banner
 

SERIE A2: L'Appiano perde ma è terzo

 

Nonostante la rotonda sconfitta sul ghiaccio dell'Enga, i Pirati terminano la regular season al terzo posto. Per conoscere con sicurezza le posizioni dalla quattro alla sei, con Merano, Caldaro e Gherdeina squadre coinvolte, bisognerà attendere invece gli ultimi sessanta minuti. 

 

HC Egna Riwega – HC Appiano Sarah 7:2 (3:1, 2:1, 2:0)

Egna Riwega: Alex Caffi (Martin Rizzi); Manuel Bertignoll, Christian Rainer, Giulio Bosetti, Alexander Sullmann, Daniele Delladio, Kevin Zucal, Piero Simoni; Michael Sullmann. Paolo Bustreo, Matteo Peiti, Markus Simonazzi, Rudi Locatin, Davide Stricker, Flavio Faggioni, Marian Zelger, Patrick Zambaldi, Hannes Walter, Mike Craig, Dylan Stanley
Coach: Teppo Kivelä

HC Appiano Sarah: Mark Demetz (dal 40.00 Alex Tomasi), Lukas Martini, Peter Stimpfl, Christian Tröger, Jonannes Weger, Tobias Ebner, Tuomo Harjula, Patrick Wallenberg, Alex Rottensteiner, Jan Waldner, Stefan Unterkofler, Philipp Jaitner, Daniel Peruzzo, Philipp Platter, Robert Raffeiner, Fabian Ebner, Mathias Eisenstecken
Coach: Jarno Mensonen

Reti: 1:0 Mike Craig (5.13), 2:0 Rudi Locatin (10.43), 3:0 Michael Sullmann (13.02), 3:1 Philipp Jaitner (16.51), 4:1 Flavio Faggioni (29.18), 5:1 Matteo Peiti (33.04), 5:2 Daniel Peruzzo (35.34), 6:2 Davide Stricker (54.24), 7:2 Dylan Stanley (56.57)


I padroni di casa si presentano all'ingaggio iniziale al gran completo. Nell’Appiano tornano a roster, dopo mesi di assenza, gli attaccanti Patrick Wallenberg e Alex Rottensteiner: in vista del derby di domenica contro il Caldaro, Jarno Mensonen concede un turno di riposo Jake Newton e David Ceresa e manca all'appello pure Alex Jaitner. Partita subito in salita per i Pirati, che sono costretti ad inseguire già dopo 5 minuti, colpiti da Mike Craig. La formazione della Bassa Atesina non si accontenta e a metà frazione raddoppia, grazie a Rudi Locatin (sia questo che il primo gol sono arrivati in superiorità). I ragazzi di Kivelä non arrestano la loro pressione e al 13.02 calano il tris con Michael Sullmann. In finale di tempo si concretizza la prima reazione convinta dei gialloblù, che insaccano con Philipp Jaitner. Al 29.18, però, nuovo allungo da parte dell'Egna, che sfrutta l'uomo di movimento in più, calando il poker con Flavio Faggioni. Qualche istante dopo altro powerplay e altro sigillo per i padroni di casa, che, nella circostanza, si affidano a Matteo Peiti. Le difese rimangono allegre e al 35.34 segna anche l'Appiano con Daniel Peruzzo. Decisamente meno scoppiettanti gli ultimi 20 minuti, che si aprono con Alex Tomasi a difesa della porta ospite. Il nuovo entrato regge sino al 54.24, quando Davide Stricker porta i suoi a quota sei. Il settimo centro è opera di Dylan Stanley.    



Hockey Pergine Sapiens – HC Merano Pircher 2:3 d.t.r. (1:0, 0:2, 1:0, 0:0, 0:1)

Pergine Sapiens: Marcello Platè (Daniele Facchinetti); Troy Barnes, Fabio Rigoni, Andrea Strazzabosco, Alessandro Ambrosi, Luca Mattivi,  Alessandro De Polo; Pontus Moren, Devid Piffer, Riccardo Tombolato, Lino De Toni, Denny Deanesi, Alberto Virzi, Stefano Piva, Davide Conci, Andrea Meneghini, Marco Demattio, Giuseppe Viliotti
Coach: Marco Liberatore

HC Merano Pircher: Vincenzo Marozzi (Samuel Quaglio); Jan Mair, Daniel Valgoi, Viktor Wallin, Danny Elliscasis; Max Ansoldi, Taggart Desmet, Stefan Palla, Patrick Cainelli, Stefan Kobler, Daniel Rizzi, Michael Stocker, Michael Guarise, Daniel Frank, Davide Turrin, Viktor Schweitzer, Kevin Gruber
Coach: Doug Mckay

Reti: 1:0 Ponus Moren (18.51), 1:1 Taggart Desmet (21.29), 1:2 Daniel Frank (39.58), 2:2 Devid Piffer (59.02), 2:3 Taggart Desmet (rigore decisivo)


Tra le Linci fuori Davide Mantovani e Alberto Meneghini. I bianconeri non possono contare su Thomas Mitterer, Philipp Beber, Michele Ciresa, e Julian Schwienbacher, influenzato. La gara fatica a decollare: i padroni di casa, che vogliono chiudere in maniera onorevole il loro campionato dimostrano di avere maggiore convinzione e alla fine passano a condurre, affidandosi al solito Pontus Moren. L'attaccante svedese mette a segno il suo 17esimo centro stagionale. Il Merano sfrutta la sosta per riordinare le idee e, alla ripresa delle ostilità, pareggia prontamente i conti con Taggart Desmet. La gara torna a vivere un lungo momento di equilibrio, anche se, quando tutto lascia presagire che si vada per la seconda volta nello spogliatoio in parità, arriva il secondo centro degli altoatesini: è Daniel Frank a trovare la via della rete, a soli 2 secondi dalla sirena. I ragazzi di McKay cercano di amministrare, invece di affondare il colpo e così, allo scadere, vengono puniti. In situazione di sei contro quattro Devid Piffer manda la contesa all'overitme. Nel corso del supplementare non si segna ed allora sono i rigori a decidere: alla fine la spuntano i bianconeri grazie al penalty di Taggart Desmet.   

 

Sv Caldaro Rothoblaas – Ev Bozen 84 Groupon 6:1 (3:0, 2:0, 1:1)

SV Caldaro Rothoblaas: Daniel Morandell (Martino Valle Da Rin); Adrian Marzoner, Daniel Spinell, Markus Siller, Steve Pelletier, Markus Kofler, Leonhard Rainer; Thomas Waldthaler, Matias Loppi, Brian Belcastro, Raphael Andergassen, Alex Andergassen, Thomas Pichler, Patrick Thomaser, Lorenz Rӧggl, Patrick Gius, Hannes Clementi, Michael Felderer, Manuel Gamper, Lukas Schweigkofler
Coach: Thomas Sandlin

Ev Bozen Groupon: Thomas Commisso (Federico Tesini); Christian Fabbretti, Roland Battisti, Simon Obexer, Michele Volcan; Thomas Unterfrauner, Philipp Grandi, Hannes Hölzl, Franz Josef Plankl, Alexander Pancheri, Matteo Lotti, Oliver Schenk, Paolo Widmann, Alex Tava, Manuel Graziosi
Coach: Fred Carroll

Reti: 1:0 Steve Pelletier (4.06), 2:0 Matias Loppi (8.30), 3:0 Steve Pelletier (16.28), 4:0 Patrick Thomaser (22.30), 5:0 Matias Loppi (26.12), 5:1 Manuel Graziosi (45.05), 6:1 Lorenz Rӧggl (47.42) 


I Lucci recuperano Thomas Waldthaler, mentre risulta sempre assente Alex Tauferer. La formazione ospite, invece, si presenta all'appuntamento decimata: mancano Daniele e Michele Da Ponte, Luca Franza, Lorenzo Piccinelli e Christian Timpone. I padroni di casa fanno immediatamente valere la loro superiorità, passando già al quarto con Steve Pelletier e raddoppiando, all''8.30, in situazione di powerplay, con Matias Loppi. Nella seconda metà della frazione, poi, c'è pure il tempo per il tris del Caldaro, opera ancora di Steve Pelletier, autore così di una doppietta. La musica non cambia nemmeno nel corso del periodo centrale, che si apre con il poker bianconero, opera di Patrick Thomaser. Successivamente, con l'uomo di movimento in più, anche Matias Loppi fa doppietta. Nelle prime battute del terzo tempo c'è gloria pure per gli ospiti, che si sbloccano grazie a Manuel Graziosi, il quale segna così il suo primo gol in Serie A2. Poco dopo, però, i ragazzi di Sandlin salgono a quota sei, a referto pure Lorenz Rӧggl, che di fatto chiude la contesa.  

 

HC Gherdeina – SSI Vipiteno Weihenstephan 2:1 d.t.s.(0:0, 1:1, 0:0, 1:0)

HC Gherdeina: Giancarlo Kostner (Florian Grossgasteiger), Benjamin Bregenzer, Ryan Gaucher, Fabrizio Senoner, Gabriel Lang, Fabian Costa, Fabio Kostner, Marco Senoner, Joel Brugnoli, Mitch Stephens, Gabriel Vinatzer, Benjamin Kostner, Oliver Schenk, Gabriel Senoner, Ivan Demetz, Rupert Stampfer, Davide Holzknecht, Aaron Pitschieler
Coach: Gary Prior

SSI Vipiteno Weihenstephan: Dominik Steinmann (Tobias Ninz), Simon Baur, Derek Eastman, Daniel Maffia, Luca Scardoni, Philipp Pircher, Michael Messner; T.J. Caig, Tobias Fink, Gunnar Braito, Patrick Mair, Tobias Kofler, Hannes Stofner, Alex Lanz, Florian Wieser, Christian Sottsas
Coach: Oly Hicks

Reti: 0:1 Tobias Fink (25.20), 1:1 Ivan Demetz (32.30), 2:1 Ryan Gaucher (60.24)


Nei ladini fuori Kevin Senoner e Simon Vinatzer per squalifica. I Broncos sono privi dei soliti Stefan Ramoser e Daniel Erlacher, ai quali si aggiungono pure Felix Oberrauch e Charles Corsi. Ritmi non altissimi nel corso della prima frazione di gioco, che comunque vede i ragazzi di Prior spingere maggiormente sull'acceleratore, senza però trovare la via della rete. Nemmeno nel corso delle due superiorità a favore – una quella per il Vipiteno – si registra qualche variazione nel punteggio. L'equilibrio si spezza allora al 25.20, quando, in powerplay, gli ospiti fanno centro: il gol è opera di Tobias Fink, al suo secondo sigillo stagionale. I rossoblù, in ogni caso, non demordono e, sette minuti più tardi, mettono dentro il disco che vale il pareggio con Ivan Demetz. Nel corso del terzo tempo sono più i minuti di penalità che non le occasioni da rete e così non si registrano più sussulti particolari e l'incontro prosegue all'overtime. Bastano 24 secondi del supplementare perché si trovi un vincitore: a spuntarla sono i padroni di casa grazie a Ryan Gaucher. 

 


Serie A2,  venerdì 15 febbraio 2013, 41° giornata stagione regolare


HC Egna Riwega – HC Appiano Sarah 7:2 (3:1, 2:1, 2:0)
Hockey Pergine Sapiens – HC Merano Pircher 2:3 d.t.r. (1:0, 0:2, 1:0, 0:0, 0:1)
Sv Caldaro Rothoblaas – Ev Bozen 84 Groupon 6:1 (3:0, 2:0, 1:1) 
HC Gherdeina – SSI Vipiteno Weihenstephan 2:1 d.t.s.(0:0, 1:1, 0:0, 1:0) 

 


Classifica dopo la 41° giornata

1. Vipiteno Weihenstephan 89 punti
2. Egna Riwega 81
3. Appiano Sarah 68
4. HC Merano Pircher 64
5. Caldaro Rothoblaas 63
6. HC Gherdeina 61
7. Hockey Pergine Sapiens 34 *
8. Ev Bozen 84 Groupon 29 *

*una partita in meno