banner
 

Serie B - Caldaro e Merano raggiungono le semifinali

 

 Il Caldaro ed il Merano raggiungono le semifinali e mettono fine alla stagione rispettivamente di Ora ed Alleghe. Il Nuovo Fiemme supera l'Appiano e prolunga la serie dei quarti alla definitiva e decisiva Gara 5 di domenica da giocarsi in Alto Adige. Nel tabellone playoff quindi si conosce già una sfida di semifinale tra l'Hockey Milano Rossoblu opposto al Merano Pircher mentre l'SV Kaltern/Caldaro rothoblaas dovrà attendere per sapere quale sfidante troverà tra Appiano o Nuovo Fiemme. Di sicuro saranno due sfide di grande levatura per dei playoff che non avranno soste. Domenica, come detto, si conoscerà il nome della quarta semifinalista. Poi, comunque vada Gara 5, mercoledì, 22 marzo, di nuovo in pista a Caldaro e Milano. 

 

Sotto per 2 a 1 nella serie, l’Ora riceve il Caldaro sulla pista di Egna per provare a fare l’ennesimo sorprendente sgambetto ai vincitori della regular season della Serie B. Il match si sblocca subito a causa dell’indisciplina dei Frogs, che con Braito in panca puniti subiscono al 4.29 l’1 a 0 firmato da Waldthaler. Dopo una fase in equilibrio, il Caldaro colpisce di nuovo, ancora una volta in superiorità numerica (fuori Zelger): è il solito Gius a firmare il 2 a 0 ospite al 15.10. La reazione dell’Ora si concretizza però al 18.10 con la rete di Scholl, che chiude così sull’1 a 2 il primo periodo. Nella frazione centrale i padroni di casa spingono parecchio sull’acceleratore, ma Alex Andergassen è a dir poco insuperabile, specialmente in inferiorità numerica. Proprio in fase di short hand, arriva anche il 3 a 1 per i lucci, firmato questa volta da Felderer al 24.07. Negli istanti seguenti non basta anche qualche secondo di doppia superiorità numerica ai Frogs, che nonostante diverse occasioni non riescono ad accorciare le distanze e il punteggio non muta sino al 40esimo minuto. Nel terzo drittel l’Ora parte meglio, complici due fasi di superiorità numerica, ma non riesce ad accorciare il punteggio, e così ha gioco il Caldaro che va a caccia del gol del k.o. senza però superare Giovannelli, superbo nella fase centrale del periodo. Con passare dei minuti diventano sempre più disperati i tentativi dei giocatori di casa, mentre i lucci giocano in maniera concreta e cinica, non concedendo più nulla. Il 3 a 1 della sirena finale regala al Caldaro il passaggio alle semifinali, che si giocherà contro la vincente di Appiano-Fiemme, mentre chiude la stagione 2016/17 dell’Ora.

 

Sulla pista casalinga del De Toni, l’Alleghe ospita il Merano per provare ad allungare la sua stagione sino a gara-5, mentre i bianconeri ambiscono alla semifinale da disputare contro il Milano. Dopo la decisione del giudice sportivo torna a disposizione De Val per le civette (inizialmente squalificato per 2 giornate ridotte poi a una), mentre tra i pali rimane Manfroi, vista l’assenza dell’infortunato De Silvestro. Sin dall’ingaggio iniziale il gioco è molto fisico e ci sono diverse doppie penalità comminate alle due squadre, che viaggiano sui binari dell’equilibrio. Questo fino all’8.05, quando Luca Ansoldi in collaborazione con Gruber e Faggioni concretizza l’1 a 0 per il Merano. Nella seconda metà di frazione gli agordini ci provano ma Quagliato è attentissimo e non concede nulla. Il secondo periodo si apre con due penalità quasi consecutive fischiate ai giocatori del Merano, ma l’Alleghe commette il peccato mortale di non trovare il pareggio. Recuperati i cinque uomini di movimento infatti i bianconeri colpiscono di nuovo, e nel giro di 7 minuti si prendono partita e serie. La doppietta di Ansoldi arriva al 30.01, quindi al 34.08 a timbrare la rete è Lo Presti. Poi al 37.46, complice una doppia superiorità numerica, capitan Gruber trova anche il 4 a 0, che chiude il secondo tempo e le speranze di rimonta di un Alleghe che ha smarrito la via della rete contro un Merano molto cinico. Il terzo periodo è praticamente accademia, con un Alleghe che soffre di indisciplina e deve subire anche il 5 a 0 in doppia inferiorità numerica, trovato da Faggioni al 50.10. Nemmeno 3 minuti dopo arriva anche il sesto gol degli altoatesini, messo a segno da Morén, sempre in superiorità numerica, una rete che rende praticamente inutili gli ultimi minuti di gara, validi solo per certificare il secondo ottimo shutout consecutivo di un Massimo Quagliato che si conferma come uno dei goalie più validi del campionato. Con questo successo, il terzo, il Merano stacca il biglietto per le semifinali e sfiderà il Milano a partire da mercoledì prossimo, mentre l’Alleghe chiude la sua stagione 2016/17.

 

La bellissima serie tra Fiemme ed Appiano torna in Trentino per quello che potrebbe essere l’ultimo match della formazione di Cavalese in stagione. Ovviamente i giocatori di coach Chelodi non sono d’accordo e iniziano il match a mille, bombardando da ogni posizione la gabbia di Tomasi, non riuscendo però a scalfire la retroguardia dei pirati. Pirati che, nel finale di frazione, non sfruttano una doppia superiorità numerica di 57 secondi, fermati da un ottimo Commisso, ed è così 0 a 0 alla prima sirena. Nel secondo periodo il Fiemme inizialmente spinge sull’acceleratore ma sempre senza costrutto quindi, complice un 2+2’ rifilato a Mattivi subisce anche il gol di gialloblù, firmato da Roggl al 31.38, che ha segnato con i trentini praticamente in tre (da soli 2’’ era scaduta una penalità a Locatin). Questa volta però la reazione fiemmese è decisiva, e la seconda metà di frazione vede la riscossa dei trentini, che prima pareggiano con Nicolao al 33.52 e poi passano con Locatin al 36.57, trovando il 2 a 1 che permette loro di condurre al 40esimo minuto. Nel terzo drittel i primi istanti sono molto combattuti, quindi i padroni di casa riescono a trovare l’importantissimo gol del 3 a 1 che fa esplodere i tantissimi tifosi di Cavalese: ci pensa Enrico Chelodi al 47.15 a bucare Tomasi per la terza volta, mentre già al 49.50 arriva la doppietta di Nicolao, che vale il 4 a 1 e la chiusura del conto. Nel finale infatti l’Appiano ci prova più coi nervi che con altro, non riuscendo a superare di nuovo Commisso e commettendo anche tre falli, compreso un 2+10’ rifilato a Frometa che spegne ogni velleità altoatesina. Termina dunque 4 a 1 questa gara-4, e come da pronostico la serie tra Fiemme ed Appiano si conferma come la più combattuta del lotto e, giustamente, si deciderà domenica al Palaghiaccio di Appiano con il quinto attesissimo appuntamento. Pronostico vietato, unica certezza è che chi vince mercoledì sarà ospite del Caldaro per gara 1 di semifinale.

Risultati - Gara 4 - Quarti di finale - Serie B - Playoff - 17 marzo

ASC AurOra Frogs - Sv Kaltern/Caldaro rothoblaas 1:3 (1:2/0:1/0:0)
Marcatori: 04:29 (0:1) (PP1) Thomas Waldthaler (Patrick Gius); 15:01 (0:2) (PP1) Patrick Gius (Thomas Waldthaler, Fabio Rigoni); 18:10 (1:2) (ES) Manuel Tschöll (Philipp Calovi); 24:07 (1:3) (SH1) Michael Felderer (Lorenz Daccordo, Patrick Thomaser); 
Il Caldaro vince la serie dei quarti per 3:1 e si qualifica per le semifinali

Kanguro Alleghe Hockey - HC Merano Pircher 0:6 (0:1/0:3/0:2)
Marcatori: 08:05 (0:1) (ES) Luca Ansoldi (Ingemar Gruber, Flavio Faggioni); 30:01 (0:2) (ES) Luca Ansoldi (Davide Turrin, Ingemar Gruber); 34:08 (0:3) (ES) Manuel Lo Presti (Lars Pontus Moren, Thomas Mitterer); 37:46 (0:4) (PP2) Ingemar Gruber (Flavio Faggioni, Luca Ansoldi); 50:09 (0:5) (PP1) Flavio Faggioni (Ingemar Gruber, Luca Ansoldi); 52:54 (0:6) (PP1) Lars Pontus Moren (Manuel Lo Presti); 
Il Merano vince la serie dei quarti per 3:1 e si qualifica per le semifinali

HC Nuovo Fiemme 97 - HC Eppan/Appiano Roi Team 4:1 (0:0/2:1/2:0)
Marcatori: 31:38 (0:1) (PP1) Lorenz Röggl (Jan Waldner, Matthias Eisenstecken); 33:52 (1:1) (ES) Paolo Nicolao (Enrico Chelodi, Federico Gilmozzi); 36:57 (2:1) (ES) Rudi Locatin (Michele Ciresa, Paolo Nicolao); 47:15 (3:1) (ES) Enrico Chelodi; 49:50 (4:1) (ES) Paolo Nicolao (Daniele Delladio, Rudi Locatin); 
La serie è in parità: 2:2. Domenica 19 marzo la definitiva Gara 5 dei quarti ad Appiano (ore 18:30). Chi vince raggiunge il Caldaro in semifinale

L'Hockey Milano Rossoblu è già in semifinale da mercoledì scorso dopo aver vinto la serie dei quarti per 3:0 contro l'Hockey Pergine Sapiens;